In viaggio con la zia

Ognuno di noi dovrebbe avere una zia Augusta nella sua vita; io punterei ad esserlo. Anche se non lo sa, mio suocero Lucio mi ha indirettamente suggerito questo straordinario romanzo di Graham Greene*, un tipo scellerato, eclettico, affascinante di cui non avevo mai letto nulla, ma che in poche pagine mi ha conquistato con le sue idee e la comicità surreale dei suoi personaggi.

Mr Pulling, il protagonista, è una persona tranquilla, che conduce una vita noiosa e senza sale, improvvisamente stravolta dall’entrata in scena dell’eccentrica zia Augusta. L’anziana signora ha una verve incredibile e coinvolge il nipote (chissà…) nelle sue bizzarre avventure ai limiti della legalità, mescolando passato e presente in maniera sublime. I suoi racconti rapiscono e la sua risata da eterna ragazza mi conquista: non vedo l’ora di sapere come andrà a finire e allo stesso tempo vorrei che non finisse mai. Insomma, viaggio anch’io e a me piace viaggiare e non mi scandalizzo affatto degli amori truffaldini e infedeli della magnifica tante. Perchè, in realtà, questo libro è un inno alla vita, alla passione e alla libertà e lo sa bene Henry, che decide di lasciare le sue amate dalie per vivere finalmente la sua personale avventura.

Se ci rifletto davvero su, l’andirivieni dei personaggi mette a dura prova la monotonia quotidiana – in un momento come questo poi -, tutti quei piccoli rituali che scandiscono le giornate, di settimana in settimana. Quanto contano davvero? Quanta sicurezza ci offrono? A quante dalie ci aggrappiamo per non sentire che gli anni scivolano via, inesorabilmente? Meno male allora che c’è la letteratura ad aprirci gli occhi, a farci ridere e soffrire, a tenderci una mano per accompagnarci a scoprire come replicare ogni giorno quel tumulto di emozioni utile a far sentire che esistiamo, che siamo qui, ora: piccoli e inermi, ma VIVI.

«Ti piace Visconti, Henry?» Lo disse con un tono di supplica che mi fece tenerezza, data la situazione. Zia Augusta non era una donna dalla supplica facile.

«È un po’ presto per giudicarlo» risposi. «Non mi sembra un tipo di cui ci si possa fidare.»

«Ti pare che, se lo fosse, mi sarei innamorata di lui?»

Titolo: In viaggio con la zia  

Autore: Graham Greene

Editore: Mondadori

ISBN: 9788804525202

* Ecco il link di un documentario sullo scrittore che vi consiglio : https://www.raiplay.it/video/2019/10/graham-greene-il-lato-oscuro-delle-cose-57416653-cf33-4e13-9443-0e12a2ab75d3.html

Questo articolo ha un commento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.